La Casa Passiva: più comfort, meno energia




post allegato alla newsletter del 05/05/10 per abbonarti clicca qui

Abbiamo il piacere di iniziare la collaborazione con un amico di vecchia data, l'arch. Flavio Cucina, operante in Germania ed esperto di problematiche energetiche.


La casa è detta passiva perché la somma degli apporti di calore dati dall'irraggiamento solare trasmessi dalle finestre e il calore generato internamente all'edificio da elettrodomestici e dagli occupanti stessi,
(e quindi non da impianti di riscaldamento "attivi": caldaia, termosifoni ecc.)
sono quasi sufficienti a compensare le perdite dell'involucro durante la stagione fredda.
E´caratterizzata da un comfort particolarmente elevato rispetto alla quantitá di energia necessaria ad ottenerlo.
Ogni casa passiva è un contributo concreto alla difesa del clima!

I dettagli che la caratterizzano:
  • Vetri doppi (o tripli) con infissi ad alto isolamento termico
  • Isolamento termico generale particolarmente elevato
  • Costruzione priva di ponti termici
  • Involucro dell´edificio a tenuta d´aria
  • Areazione confortevole ed efficiente recupero termico

    I vantaggi:
  • Alto comfort abitativo
  • Ricambio dell´aria costante per l´intero arco dell´anno
  • Costi di riscaldamento particolarmente bassi rispetto alla costante crescita di questi ultimi
  • Elevata protezione dell´edificio da agenti esterni
  • Facilità di mantenimento
  • Scarsa incidenza negativa sull´ambiente



    In cifre:
    Una casa passiva necessita durante l´anno non piú di 1,5 litri di olio o 1,5 mc di gas metano (15 kWh) per mq di superficie abitativa.
    Ne consegue un risparmio di oltre il 90% rispetto al normale utilizzo di energia di un edificio tradizionale, che normalmente necessita dai 5 ai 9 litri di olio per mq di superficie.

    arch.Flavio Cucina
    Bibliografia: IG - Passivhaus Deutschland




    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...