8 posti abbandonati (e paurosi) nel mondo




Molti posti abbandonati sono circondati da un'aura di mistero, spesso emanano un'atmosfera macabra dovuta non solo all'abbandono ma a fatti misteriosi avvenuti lì...eccone alcuni davvero paurosi!

Catacombe di Parigi
Le Catacombe di Parigi, che fungono anche da ossario, contengono all'incirca i resti di 6 milioni di corpi...


Isola delle Bambole, Messico
L'Isola delle Bambole (Isla de las Munecas) è un'isola disabitata a Xochimilco, Messico.
Secondo la leggenda, negli anni '50, una ragazza è morta nei canali che circondano l'isola, dopo di che, l'unico abitante dell'isola, dicendo di essere perseguitat dal fantasma della ragazza, ha preso ad appendere bambole ovunque intorno all'isola, affinchè lo protegessero. Si dice che parlasse e cantasse con le bambole, prendendosi cura di loro come fossero esseri umani, e che quando fu ritrovato morto, fun nello stesso punto ove morì la ragazza...


Muynak, Uzbekistan
Muynak, nell'Uzbekistan, era un porto fiorente sulle rive del mare di Aral. I sovietici, per l'irrigazione, fecero sparire il mare ed oggi rimangono un deserto di dune di sabbia e i vecchi spettrali relitti delle navi in secca.


Sotterranei di Cincinnati 
All'inizio del 1900, venne iniziata una rete metropolitana nella città di Cincinnati; i lavori vennero interrotti per mancanza fondi e a tutt'oggi le reti di gallerie sono abbandonate e forse frequentate...


Wonderland, Cina 
Nel villaggio di Chenzhuang, in Cina, c'è Wonderland; Wonderland doveva essere un parco divertimenti sul tema di quelli della Disney, che tutti ben conosciamo, oggi invece è un parco fantasma. Non fu mai portata a termine e oggi ne restano gli scheletri non completati,  frequentati dai bambini figli dei contadini della zona; nessuno sa da dove arrivano ne dove vanno quando scompaiono...


Foresta di Hoia Baciu, Romania
La foresta di Hoia Baciu, in Romania, è nota come il Triangolo delle Bermuda romeno. La foresta è piena di leggende di persone scomparse, dispositivi elettronici che si spengono spontaneamente e di avvistamenti di UFO...insomma un luogo davvero "ameno"!


Maunsell Sea Forts, Mare del Nord
I forti sul mare di Maunsell  sono stati progettati per proteggere l'Inghilterra da una possibile invasione nazista durante la seconda guerra mondiale. Oggi sono per lo più disabitati, tranne le frequentazioni di eremiti e contrabbandieri, e per il Principato di Sealand.


Jatinga, India
Non c'è niente di particolarmente orribile su Jatinga ... tranne per i suicidi in massa di uccelli che si verificano ogni anno da settembre a ottobre. La parte davvero strana? Essi si verificano solo dalle 19 alle 22 della notte...



La poesia del legno




Il calore del legno caratterizza questa casa, dai soffitti ai pavimenti.
Arredi dal design contemporaneo rendono moderno e  dallo stile minimale questo ambiente dai toni neutri.






Un appartamento di 55 mq a La Coruna




Questo appartamento a La Coruna, di soli 55 mq, doveva essere ristrutturato per essere affittato ma senza grossi sconvolgimenti, visto il basso budget dei proprietari.
Si è scelto innanzitutto di creare un unico spazio tra zona giorno/pranzo e cucina, che aprisse la visuale e rendesse l'appartamento molto luminoso.
A terra, sono state utilizzate piastrelle tipo cementine per la zona cucina e vinile effetto legno per la zona dedicata al soggiorno.




Mentre nel resto dell'appartamento tutte le pareti sono bianche, nella zona notte è stato scelto di utilizzare delle sfumature di colore combinate, precisamente arancio e azzurro e grigio e giallo. In bagno sono state utilizzate piastrelle bianche diamantate dall'aria retro,per un ambiente semplice e pulito.


Via



Un appartamento di 50 mq in Ucraina




Quest'appartamento, abitato da una giovane coppia, è di soli 50 mq e si trova al decimo piano di un edificio Lviv, in Ucraina.
Il progetto, sviluppato su un budget molto basso, è stato curato da Formaline Studio.




Via



Stile scandinavo per un appartamento di 55 mq a Tel Aviv




Quest'appartamento a Tel Aviv, di soli 55 mq, è stato trasformato da Maayan Zusman e Amir Navon dello studio 6b in una abitazione con soggiorno/cucina e due camere da letto.
Per guadagnare spazio e limitare i lavori in muratura, sono state costruite solo due pareti, mentre le restanti sono state realizzate su misura con lavori di falegnameria su disegno degli architetti e utilizzate come armadi e storage.
I colori freschi, dalle tinte pastello, secondo gli architetti hanno origine dalla vicinanza della casa alla spiaggia e al mare, per noi tuttavia riecheggiano i toni dello stile scandinavo, che torna ance nel parquet in legno chiaro a spina di pesce e negli arredi.





Via



LA CABINA ARMADIO






Appena la superficie della camera lo consente, una cabina armadio può sostituire i tradizionali armadi per abiti e biancheria attraverso un’articolazione dello spazio che, se ben progettata, riduce al minimo gli sprechi.

La superficie che la compone, a differenza dei più comuni armadi a muro, non viene completamente utilizzata ma è necessario lasciare lo spazio per il passaggio; per l’ingresso basta una porta, ad ante o scorrevole (per un minor ingombro) di ampiezza a partire da 55 cm.
E’ opportuno che le cabine armadio non abbiano finestre, perchè non entrino polvere o luce a deteriorare i tessuti; sarebbe corretto evitare al loro interno anche fonti di calore, che potrebbero portare allo sviluppo di acari e tarme.

Per chi volesse un’aereazione di questo spazio, è consigliabile realizzare, come per i bagni senza aperture, un condotto per l’aereazione forzata, con aspiratore che impedisca il formarsi di condensa.

MATERIALI E FINITURE

Le pareti della cabina armadio possono essere costruite utilizzando pannelli di gesso, oppure, se realizzata nell’ambito di altri lavori di ristrutturazione, mattoni forati.

Per costruirla direttamente, come fosse un arredo, e dunque evitare di ricorrere ad una DIA (Denucia Inizio Attività) per la creazione di pareti murarie, si possono utilizzare pannelli di legno o comunque smontabili (facilmente rimovibili, ad esempio anche per abitazioni in affitto).
Altra soluzione, di più facile realizzazione ma di costi differenti, è l’utilizzo di cabine armdio pre-formate già dalle ditte produttrici.

Nel caso di realizzazione ex novo, è importante che le pareti interne siano rifinite in modo da permetterne un’accurata pulizia; ad esempio può essere usata una tappezzatura vinilica, un rivestimento a smalto oppure un rivestimento in laminato plastico o metallico.
Per attrezzarla, esistono numerosi tipo di scaffalature, completate da scatole, cesti e scarpiere, tubi metallici appendiabiti, portacravatte, in commercio in numerose fasce di prezzo.

ILLUMINAZIONE

L’illuminazione, necessariamente artificiale, è molto importante; le lampade migliori sono quelle fluorescenti a luce naturale, perché non alterano la percezione del colore dei vestiti, e inoltre, al contrario delle lampade ad incandescenza, non causano riscaldamento.
Sarebbe consigliabile installare questo tipo di lampade incassate in un plafone, dotate di un sistema antiabbagliamento (per es darklight), sopra la porta di ingresso della cabina.

LE DIMENSIONI

Per il passaggio e riporre gli abiti, è necessario avere almeno 70 x 70 cm. nell’organizzare l’interno, le profondità standard di una cabina armadio di cui tener conto sono 60 cm per gli eventuali armadi e 45 cm per le attrezzature quali cassetti e mensole e ripiani a giorno, mentre in genere per le scarpiere bastano 35 cm.

L’altezza necessaria a cui appendere il tubo metallico per gli abiti è di almeno 160 cm, poi 180-190 cm per cappotti e per giacche, gonne e pantaloni fino a 120 cm.

SCHEMI COMPOSITIVI

cabina1

cabina2

cabina3

cabina4

cabina d'angolo



Un appartamento di 60 mq in stile scandinavo




Questo piccolo appartamento di 60 mq è stato realizzato dallo studio di architettura INT2 Architecture a San Pietroburgo, in Russia. Con un budget limitato, come del resto la metratura dell'appartamento, i progettisti sono riusciti a renderlo molto attuale sfruttando lo stie scandinavo con legno grezzo chiaro e pareti in cemento in blocchi a vista. Anche gli effetti pittorici utilizzati, semplici ma d'effetto, hanno contribuito con poca spesa a caratterizzare on successo le pareti dell'abitazione.








Via



Una casa di famiglia in stile industriale




La casa di famiglia di Monica Rusconi è stata "creata" trasformando un vecchio edificio industriale di circa 80 mq ma dai soffitti molto alti, che hanno permesso di realizzare una doppia altezza e di raddoppiare la metratura. Tra i materiali utilizzati, una commistione perfetta tra vecchio e nuovo, spiccano per carattere e personalità che danno all'ambiente i mattoni, i dettagli in metallo scuro e il cemento grezzo a vista, con cui sono stati realizzati anche gli arredi della cucina, il tavolo del soggiorno e alcune lampade.
Una scala in lamiera piegata conduce al piano superiore, dove si trova la zona notte





Via



Vivere in 30 mq a Milano




In questo piccolo appartamento in stile industriale di 30 mq realizzato dall'architetto Cristina Meschi a Milano è il muro centrale in mattoni a facciavista a dettare dimensioni e geometrie, spezzando non solo il grigio delle pareti e dei pavimenti ma anche lo spazio fisico dell'abitazione.
L'appartamento è caratterizzato da soffitti alti, che hanno permesso l'inserimento di un soppalco in legno marino.







Via



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...