WaterPebble, come risparmiare acqua, in modo divertente




Un viaggio di mille miglia comincia con un passo, (Lao Tzu).

La saggezza cinese ci ricorda che ognuno di noi può contribuire, nel suo piccolo, alla tutela ambientale, anche solo affidandosi a piccoli gesti. A cominciare, ad esempio, dal rito mattutino della doccia. Quanta acqua ci è realmente necessaria per lavarci? E, quanta, invece, ne sprechiamo?
A questi interrogativi risponde, in modo semplice ed immediato, WaterPebble, il little water saver famoso nel mondo, dal design accattivante, progettato da Paul Priestman e 100% made in U.K., che monitora i nostri consumi idrici e ci consente di ridurli gradualmente.





Posizionato sul fondo del piatto doccia, WaterPebble misura la quantità di acqua consumata nel corso della doccia e la memorizza, definendo in tal modo il tempo di durata delle docce successive.
Grazie al semaforo che lampeggia dal verde al rosso, WaterPebble avvisa quando concludere la doccia, diminuendo automaticamente e gradualmente il tempo di utilizzo dell’acqua, aiutando a ridurre i consumi idrici, e, quindi, i consumi energetici e le relative bollette, in maniera divertente ed efficace.
La quantità di acqua risparmiata grazie all’impiego di WaterPebble durante il ciclo di vita di una sola batteria arriva a circa 36.000 litri.



Attualmente WaterPebble è arrivato alla sua terza versione, WaterPebble V3, che presenta, rispetto alla versione precedente, i seguenti improvements:


  • miglioramento dei consumi energetici del 400%
  • riduzione del numero complessivo di componenti
  • utilizzo di materiale riciclato
  • top più piatto e realizzato in materiale ABS
  • versione audio a richiesta
  • possibilità di scelta tra 4 colori.


WaterPebble, in Italia, è distribuito in esclusiva dalla società Il Delfino ed è acquistabile su ECO365.it, il tuo Ecostore Online, interamente dedicato a prodotti e servizi progettati e realizzati all’insegna della sostenibilità ambientale.

Info: ECO365.it

*post sponsorizzato*




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...