Vivere in un vecchio mulino




Gi archi e le pareti  in pietra riportata a vista e la struttura del tetto in legno testimoniano l'antica funzione di questo mulino, oggi adibito a residenza.









Homify, abitare d'ispirazione




Qualche giorno fa il nostro studio di architettura CAFElab è stato contattato dallo staff di Homify, un interessante magazine online dedicato all'architettura e al design.
Homify è un portale internazionale in 5 lingue con sede a Berlino, dove un team di giovani professionisti lavora per unire architetti, costruttori ed esperti di edilizia di tutta Europa, principalmente italiani, spagnoli, tedeschi, francesi ed inglesi.

La mission del portale è ben riassunta dal nome stesso, una contrazione dalle parole “home” e “modify”, sul sito, infatti, troverete da abitazioni di ogni stile fino al complemento d’arredo di dettaglio.
I destinatari del portale sono privati ma anche costruttori, architetti, interior designer, paesaggisti, lighting designer, falegnami, artigiani.


A noi professionisti viene messo a disposizione uno spazio web dove caricare i nostri progetti e realizzazioni in una piacevola galleria di immagini che ci da la possibilità di essere trovati da potenziali clienti internazionali che ci potranno contattare direttamente e soprattutto in maniera completamente gratuita!

Una delle caratteristiche più spiccate del portale è l'internazionalità, le pagine dei progetti sono un mix di progetti ed è interessante vedere come vengono declinati i temi di architettura in in cinque nazioni differenti

Mentre scriviamo questo post abbiamo scoperto su Homify un articolo molto professionale a firma dei giornalisti della redazione su uno dei nostri interventi, La Scuola del Balletto di Roma.
Spazio, movimento e danza

Davvero un ottimo lavoro!


immagini: Homify



Cemento grezzo per un loft a Chicago




Stile eclettico accostato a materiali grezzi di tipo industriale come cemento e legno invecchiato danno carattere a questo loft a Chicago, Illinois.








Via HomeAdore



Primavera, voglia di stare all'aperto




Con l'arrivo della primavera, stare all'aperto diventa una condizione irrinunciabile. All'aperto, gli spazi possono essere dedicati al relax ed alla lettura o al mangiare ed allo stare insieme.


Quando si ama trascorrere il tempo all'aperto rilassandosi con un libro, bevendo un cocktail e conversando, l'ideale è scegliere un divano da esterni, un tavolo basso e alcune chaise-longue, realizzati naturalmente con materiali di nuova concezione che garantiscono una lunga durata  agli agenti atmosferici.


Se poi si ama mangiare all'aperto durante la bella stagione, un tavolo da bistrò a due o quattro posti è ottimo per spazi urbani anche estremamente ridotti , come balconi e terrazzini; se invece gli ospiti sono molti e ci si trova in un giardino o in una corte privata, è necessario un tavolo da sei o otto, ad esempio in legno di tek riciclato, con le relative sedie o con delle panche realizzate integrate nel giardino in muratura e coperte con cuscini in tessuto tecnico da esterni.



Una residenza eclettica in Canada




A cura di UED Studio una residenza dallo stile eclettico a Toronto; enjoy it!






Via HomeAdore



Il nuovo barocco




Stravagante ed eccessiva,sicuramente emblema di un luso eccentrico, questa residenza privata è stata realizzata da Marcel Wanders ad Amsterdam, Olanda.













Via HomeDSGN



Buona Pasqua!





CAFElab studio di architettura
via appia nuova, 992 - 00178 - Roma
via del mattatoio, 13 - 00060 - Capena (RM)
website: www.cafelab.it 

Per consulenze o preventivi contattateci QUI

Aiutateci a crescere, seguiteci sui nostri social!

https://www.facebook.com/cafelab
http://www.pinterest.com/cafelab
http://issuu.com/cafelab/
http://cafelab.tumblr.com/
https://twitter.com/cafelab

Il nostro shop:

http://society6.com/cafelab





Una cucina invisibile




Se la famiglia cresce, crescono le necessità e diventa necessario ampliare gli spazi; in questo caso i proprietari hanno "rinunciato" ad avere un soggiorno indipendente ma, con l'aiuto di un interior designer hanno ottenuto una cucina "a scomparsa". Il rovere del parquet è stato tinto con la stessa tonalità dei mobili della cucina, che richiamano il colore del piano in arenaria, per un totale effetto mimetico. Per no rinunciare alla comodità, alle sedie intorno al tavolo è stato aggiunto addirittura un piccolo divano! Il risultato finale, oltre che estremamente funzionale, troviamo sia di grande eleganza e sobrietà.







Via KLIKK



La casa (colorata) di Karim Rashid




Il colore è il protagonista indiscusso della casa del designer Karim Rashid; non solo bianco dunque, ma colori fluo come rosa, arancio e blu riscaldano gli ambienti progettati dallo stesso designer.





Via Frenchbydesign



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...