Decreto Sblocca Italia, un assaggio delle semplificazioni per l'edilizia privata





Semplificazione in materia di edilizia privata (art. 17) 

Fra le varie modifiche al Testo unico (Dpr 380/2001), che finora ha regolamentato l'edilizia privata, ecco quelle che hanno resistito e sono state incluse nel Decreto Sblocca Italia:

1. manutenzione straordinaria realizzabile con semplice comunicazione asseverata (Cil) anziché con Scia: la norma verrà estesa anche al frazionamento di unità immobiliari, ma non quando l'intervento coinvolge parti strutturali dell'edificio. Con la Cil il proprietario non dovrà più fare la comunicazione di aggiornamento catastale.
2. frazionamenti,  gli interventi di ristrutturazione edilizia che comportano aumento di unità immobiliari non sono più soggetti a permesso di costruire, ma a semplice Scia.
3. permessi di costruire, i termini per il rilascio dei permessi di costruire sono raddoppiati non più come oggi per tutti i Comuni oltre i 100mila abitanti, ma "nei soli casi di progetti particolarmente complessi secondo la motivata risoluzione del responsabile del procedimento".
Le varianti non essenziali al permesso di costruire possono essere con semplice Scia, anziché permesso di costruire.
4. autocertificazione asseverata (tipo Scia) per dichiarare l'agibilità delle unità immobiliari.
Prevista sempre la possibilità di stipulare permessi di costruire convenzionati, oggi ammessa da moti piani regolatori o Pgt.

Via ediliziaeterritorio.ilsole24ore




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...