Oriente e occidente a tavola a Roma




Il passato e il presente, il moderno ed il retro si intrecciano tra i tavoli e le sedie di KOOK, ristorante alle porte di Roma progettato dallo studio di architettura NOSES ARCHITECTS.
Materiali di consistenza e grana diversa come cemento a vista, legno, metallo si mescolano secondo armoniche proporzioni, come in una ricetta ben riuscita, del resto.
Il centro della sala è dominato da una teca di vetro che racchiude un ulivo, simbolo del Mediterraneo, da sempre centro di fusione tra popoli e culture diverse, che riassume la cultura ed i simboli culinari nostrani.
La diversa provenienza dei due architetti di NOSES ARCHITECTS  che si dividono fra Roma e Damasco, emerge qua e la dall'uso di piastrelle incastonate nel cemento che richiamano chiaramente memorie mediorientali.
Curiosità: qua e là occhieggiano incise sul cemento frasi popolari volute dagli architetti tipo "Matto, furioso e privo di buon senso è chi del pasto non gode ogni senso".











Immagini: Noses Architects




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...