Rivestire la piscina: PVC, MOSAICO o RESINA?



Il rivestimento della piscina è molto importante per la frequenza di manutenzione e il risultato estetico; naturalmente dipende dalla tecnologia della vasca.

PVC

Il rivestimento con il telo in PVC (armato con rete in poliestere) è senza dubbio quello che ha un rapporto qualità/costo migliore.
Il materiale deve essere uniforme, compatto e costituire un tutt’uno con la struttura sottostante.
Viene utilizzato per le vasche in pannelli, che non sono a tenuta d'acqua

Mosaico e maioliche

Sono necessarie malte speciali e membrane impermeabilizzanti, oltre a posatori specializzati ed accurati, naturalmente la vasca deve essere a tenuta d'acqua.

Resina

Questa è la soluzione più economica, se non vi dà noia svuotare la piscina ogni anno per ritinteggiarla.



Buon Compleanno Fabio!!!



Peccato nn averle qui tortine così graziose...:)
Auguriii!!!

Fonte: www.stepfordlife.com



PISCINA: Sfioro o skimmer?



Sono due tecnologie diverse per il riciclo e la pulizia della superficie dell’acqua; variano in resa estetica e costi:

SFIORO

È il sistema per pulire il pelo dell’acqua più efficiente e esteticamente appagante.
Consiste di far tracimare l’acqua ai bordi in modo da avere il livello a filo col il piano circostante, una vasca chiamata vasca "di compenso" raccoglie l'acqua e appunto la compensa con volumi equivalenti.
Realizzando lo sfioro su un solo lato si creano cascate e l'effetto infinito, estrememente appagante.
Questo sisitema richiede spazi più ampi e costi maggiori della soluzione con skimmer

SKIMMER

E' un impianto di filtrazione semplice, poco costoso e comunque efficiente.
Sono aperture poste lungo il bordo superiore della vasca, che raccolgono l'acqua e la inviano al filtro, una volta disinfettata, l’acqua viene reintrodotta in vasca attraverso bocchette di mandata.
Non puliscono la superfice dell'acqua con la stessa efficenza.



PISCINA: come si fa, come si sceglie


newsletter
subscrive

La piscina!
Chi (che scrive in una calda mattinata di luglio) non ne desidera una?
Acquistare una piscina, se da un lato è una grandissima soddisfazione, dall'altro rappresenta l'assunzione di un impegno economico importante e continuato nel tempo.
Ci sono varie tecnologie con cui realizzare una piscina, vediamo i 4 tipi principali:

Fuoriterra

vengono realizzate con una struttura nervata che costituisce le pareti e sostiene l'involucro, possono essere appoggiate su una piattaforma di cemento (consigliabile) oppure direttamente a terra.
Le dimensioni sono generalmente modeste i costi sono contenuti e l'impiantistica, in particolare il sistema di filtrazione dell'acqua, è piuttosto spartano.


Monostruttura

sono quelle piscine che si vedono esposte lungo le strade dei distretti commerciali, di solito stanno in piedi, così da sembrare più grandi :)
Essendo fornite e posate direttamente in un unico pezzo, si pensa che sia la soluzione più semplice e dal costo certo...
purtroppo...quella piscina che vista in piedi è "enorme" non è poi così grande una volta installata!
In compenso, sarà "gigantesca" quando arriverà il camion sul posto e bisognerà trovare un modo per farlo avvicinare allo scavo!
Anche in questo caso è consigliabile posare la vasca su una gettata di cemento, l'acqua della piscina pesa, in occasione di uno svuotamento c'è il rischio che si muova.


Pannelli prefabbricati

Le tecniche per realizzare una di queste piscine sono le più svariate;
le pareti possono essere realizzate con elementi in acciaio, resina, cemento o altro, coperte poi dal telo che fa da finitura e impermeabilizzazione.
Generalmente ci sono delle nervature esterne che contraffortano e irrigidiscono la struttura, il fondo deve essere fatto molto bene, in cemento armato e solidale con le pareti.
Se ben realizzata non è molto più economica di una piscina in cemento armato.


Cemento armato

sono il meglio che si può richiedere, non ci sono limiti alla forma e alle dimensioni, naturalmente la progettazione va affidata a tecnici e realizzatori esperti.
Naturalmente i tempi di realizzazione sono maggiori ma il prodotto finale è praticamente indistruttibile.



Minicucine



Nelle case moderne si possono avere diverse tipologie di cucina, ad esempio a vista, inglobata nel soggiorno, di grande metratura, cioè abitabile; spesso si opta per una soluzione  "ridotta" che non prevede un tavolo per mangiare ma solo piani di lavoro e pensili.


Oggi, la riduzione degli spazi abitativi si riflette maggiormente nell'ambiente cucina; creare una giusta distribuzione diventa così una priorità essenziale, anche in virtù delle nostre abitudini culinarie...


Per questo genere di cucina l'ideale è riuscire a ricavare un unico fronte di "lavoro", che comprenda piano cottura, frigo e lavello, sormontato dove possibile da pensili per ampliare più possibile gli spazi contenitivi.


La scelta di una finitura chiara può aiutare a dilatare la percezione degli spazi; dove possibile, se i mq lo consentono, duplicare il fronte attrezzato permette l'inserimento di una colonna forno o di armadi alti da adibire a dispensa.


A volte bastano piccoli accorgimenti per ampliare "al cm" lo spazio di lavoro; dove possibile, ad esempio, l'inserimento di una piccola penisola può aiutare.


A volte la scelta di modelli molto tecnici di cucina, può aiutare ad organizzare in maniera più efficiente gli spazi di lavoro.

Fonte: Nuevo Estilo



Tabelle millesimali: qualche cenno



Da Wiki: "Le tabelle millesimali rappresentano le quote di proprietà nel condominio, espresso come rapporto fra il valore di ciascuna unità ed il valore dell'intero edificio, fatto uguale a 1000 (da qui il nome)."

In ogni condominio possono esistere diverse tabelle millesimali.
Quella principale, viene detta "di proprietà" e serve a suddividere in maniera equa fra i condomini la maggior parte delle spese del condominio.
Altre tabelle millesimali possono rappresentare l'uso di servizi condominiali e venir essere calcolate in base alla singola rampa di scale, all'ascensore, all'impianto di riscaldamento centralizzato, al giardino, etc.

Le tabelle millesimali sono redatte facendo riferimento alla superficie o al volume dei vani di ogni singola unità immobiliare che compone il condominio.
Detti valori vengono aggiornati in base ad alcuni parametri caratteristici di ogni unità, espressi attraverso un coefficiente variabile correttivo, aumentativo o diminutivo, per giungere alla così detta "superficie virtuale", ma soprattutto cogliere l'indice di godibilità delle singole unità rapportate alle pertinenze.


  • Coefficiente di destinazione: varia secondo l'appartenenza di ogni unità immobiliari ad una diversa categoria catastale (garage, box, magazzini, negozi, abitazioni ecc.);
  • Coefficiente di utilizzazione: identifica lo specifico uso dei singoli vani che compongono l'unità immobiliare (soggiorni, cucine, camere, bagni, ecc.);
  • Coefficiente di altezza: si usa se l'altezza interna è diversa tra le varie unità immobiliari (in questo caso si farà riferimento al volume e non alla superficie);
  • Coefficiente di orientamento: tiene conto dell'esposizione dell'immobile rispetto ai punti cardinali; trova applicazione se l'edificio comprende più unità immobiliari per piano, ciascuna con diversa esposizione;
  • Coefficiente di esposizione e prospetto: a seconda della differenza di veduta che possono avere le unità immobiliari, cioè dove affacciano (prospetto panoramico, su strada principale, secondaria, chiostrine, pozzi di luce ecc.);
  • Coefficiente di piano: valuta la diversa altezza dal suolo di ogni singola unità immobiliare ed è legato al fatto che l'immobile sia dotato o meno dell'ascensore;
  • Coefficiente di funzionalità: si usa se è evidente la diversa razionalità e funzionalità degli spazi tra le varie unità immobiliari presenti nell'edificio;
  • Coefficiente di luminosità: tiene conto della quantità di luce che penetra nei vari ambienti; dipende dall'altezza del piano e si ottiene dal rapporto della superficie dell'ambiente per la misura delle varie finestre;


Le tabelle millesimali, redatte da un tecnico, dovranno essere approvate dall'unanimità dei condomini, o in difetto, dal Tribunale.



Promo: CAFElab Studio di Architettura




INFORMAZIONI E PREVENTIVI
per dare una nuova immagine alla tua casa o al tuo luogo di lavoro, non esitare a contattarci:

CAFElab - architetti a Roma

info@cafelab.it - www.cafelab.it


Html email form powered by 123ContactForm.com | Report abuse

Html email form powered by 123ContactForm.com | Report abuse