Cabine; e se facessimo un passo indietro?



Ego di Poliform

Da qualche anno ormai, forse complice la famosa serie tv "Sex and the City" e gli innumerevoli vestiti e accessori di Carrie Bradshaw, spopola la voglia di possedere, costi quel che costi, una cabina armadio.
Ormai qualsiasi esponente del gentil sesso ( e non solo...) saprà a menadito le regole base per la progettazione di questo oggetto del desiderio: 60 cm di spazio per gli abiti, altri 60 cm per potersi muovere, illuminazione mirata, ante si o ante no.


New Entry di Poliform
Visto che non per tutti è realizzabile questo particolare sogno, perchè non fare un passo indietro e rivalutare i più tradizionali armadi?


Guardaroba di Flou

Non stiamo dicendo un'eresia, oggi gli armadi tradizionali per rimanere competitivi rispetto alle più gettonate cabine si sono trasformati letteralmente, mutando forma e sostanza.


Storage di Porro

Una volta spalancate le ante, siano esse a battente o scorrevoli, opache o trasparenti, laccate o con venatura a vista, ciò che appare alla vista è un esempio di organizzazione perfetta... o quasi.


Guardaroba di LaFalegnami

Funzionalità e razionalità sono le parole chiave, insieme a design che definscono in maniera esauriente ciò che gli armadi sono (e stanno tutt'ora) diventando: cassetti, aste appendiabiti, cesti, l'importante è, davvero, scegliere la configurazione giusta e sopratutto mirata rispetto alle proprie esigenze!

Per non ingombrare troppo visivamente la stanza, si consigliano ante con tonalità neutre e gradi di sfumatura che si fondono con le pareti.


Lounge di Rossetto

Ultimo consiglio dell'architetto: le scarpe, ingombranti e "impegnative" su piano dell'odore, meglio fuori!




  1. nandida:

    ...o magari una soluzione a metà tipo stile 1 anta guardaroba, 1 anta cabina armadio? Porcata?

  2. CAFElab architectural studio:

    temo che se non c'è spazio per una cabina armadio non ce n'è neppure per una cabina armadio + un armadio! :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...