Idee per un MINI home-office!


A volte, è difficile ricavare un angolo/studio nella propria asa, dove lavorare, studiare o...rilassarsi davanti al pc, magari concedendosi un bel [...coffee break...]! Ecco alcune idee per sfruttare spazi davvero mini e ricavare un piccolo home office, luminoso e attrezzato.
Al solito, la prima soluzione, la più compatta e particolare, è made in japan!







Fonte: apartmenttherapy

IDEE E PREVENTIVI
Per rinnovare la vostra casa, potete contattarci qui:
www.cafelab.it



Catch the MoonLight!



La ditta britannica Aestus recentemente ha creato un design contemporaneo di radiatori da bagno davvero unico. Ad esempio, il radiatore "Vasily" ha una romantica forma a mezzaluna, rifinita con un'incisione floreale, sottile ed elegante , realizzata in alluminio con uno spessore di 8 millimetri. E' possibile scegliere fra una varietà di colori e trattamenti, come spazzolato, raso o alluminio, rame e argento.
Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito Aestus.



Le 26 sfumature di grigio preferite dai designers



Scopri le più belle sfumature di grigio QUI!



Ristrutturazione: Comunicazione di Inizio Lavori (C.I.L.) e Variazione Catastale


La Comunicazione di Inizio Lavori (C.I.L.) è una pratica amministrativa da redigere prima dell'inizio dei lavori di ristrutturazione che coinvolgeranno il proprio immobile.
La pratica deve essere redatta obbligatoriamente da un tecnico abilitato (ingegnere, architetto, ecc.) e depositata presso il Comune o Municipio dov'è sito l'immobile da ristrutturare.
E' possibile redigere la C.I.L. secondo quanto stabilito dal D.L. 40 del 25.04.2010, coordinato con legge di conversione n. 73 del 22.05.2010.
tale pratica riguarda interventi che prevedano una ridistribuzione di spazi interni, la realizzazione di bagni e il rifacimenti di impianti; in linea generale non devono essere modificati l'aspettoesterno dell'immobile o parti strutturali di questo (altrimenti diventa necessaria una DIA).

Alla consegna della C.I.L. è necessario presentare da parte del professionista:

- Atto di proprietà;

- Titolo abilitativo edilizio dell’opera più recente (condono e/o progetto);

- Documentazione catastale che attesti la conformità dello stato attuale (visura e planimetria);

- Relazione tecnica ed elaborati progettuali ante/post operam a firma di un tecnico abilitato;

- DURC(Documento Unico Regolarità Contributiva) dell'impresa esecutrice dei lavori

I lavori di ristruttrazione possono cominciare immediatamente dopo il deposito della domanda.

I casi in cui è obbligatorio effettuare una variazione catastale dell'immobile (DOCFA), successivamente ad una ristrutturazione, sono definiti dalla Legge 311/2004 art. 1 c. 336-340 e dalla Circolare 1/2006 dell'Agenzia del Territorio.
In generale, è obbligatorio presentare variazione catastale, da far predisporre da tecnico abilitato, nel caso di modifiche murarie.

INFORMAZIONI E PREVENTIVI

Per eventuali info e preventivo per la redazione e presentazione di C.I.L. e Variazioni catastali, se ti serve un Tecnico Abilitato, non esitare a contattarci: info@cafelab.it - 06.7185405 (per Roma e Lazio)



Classificazione acustica: Nuova norma UNI




Pubblicata la norma UNI 11367
Acustica in edilizia - Classificazione acustica delle unità immobiliari - Procedura di valutazione e verifica in opera.

La norma definisce la classificazione acustica degli edifici, basata su misure effettuate al termine dell'opera, che consentirà di informare i futuri abitanti sulle caratteristiche acustiche dell'abitazione e di tutelare i vari soggetti che intervengono nel processo edilizio (progettisti, produttori di materiali da costruzione, costruttori, venditori, ecc.) da possibili successive contestazioni.

La UNI 11367 si applica a tutti i tipi di edifici, tranne a quelli ad uso agricolo, artigianale e industriale.
Nell'ambito di applicazione della norma, i requisiti acustici di ospedali, cliniche, case di cura e scuole sono definiti da una specifica appendice.

Introduce quattro differenti classi di efficienza acustica: dalla più silenziosa, classe 1, alla piú rumorosa, classe 4.
Il livello "di base" é rappresentato dalla classe 3, anche se la maggioranza degli edifici italiani edificati non raggiunge neppure la classe 3.

La classe viene attribuita alle singole unità immobiliari e non all'intero edificio.

Sono oggetto di classificazione l'isolamento di facciata, rispetto ai vicini (anche se camere d'albergo), gli impianti.


fonte Edilportale



Liber, libri!


Come risolvere il problema dei libri che si accumulano nel tempo? Ecco alcune soluzioni creative e salvaspazio...











Edilizia, condomini e centri storici nel piano casa Regione Lazio


Novità in arrivo per il piano casa nella regione Lazio: sarà possibile intervenire anche nei centri storici, nei condomini e nelle zone agricole. Soprattutto, saranno richiesti gli adeguamenti sismici circoscritti alla sola parte dell'edificio oggetto di modifica. Inoltre allungamento dei limiti di presentazione delle domande, prorogati di altri tre anni.
Saranno inoltre consentiti ampliamenti consentiti in sopraelevazione, incentivi fino al 50% in alcuni casi di demolizione e ricostruzione e fino al 100% quando la demolizione avviene in aree di pregio, come nel caso del litorale laziale.
Le altre novità riguardano le "zone omogenee" nelle quali gli interventi del piano casa sono possibili; saranno inseriti i centri storici, finora esclusi ma con limiti ben precisi, per evitare abusi, inoltre saranno inserite le zone agricole, dove oggi possono costruire solo coltivatori diretti e loro discendenti.
Le opere di urbanizzazione secondaria, come i parcheggi o le aree verdi, potranno essere sempre monetizzate, a differenza di quanto previsto dal vecchio testo. E, come richiesto a gran voce dagli imprenditori, ci saranno alcune ipotesi di super bonus proprio per le operazioni di demolizione.

Riepilogo:
- IN GIUNTA A FINE LUGLIO
- Premio cubatura: 1.000 mc. Ora il limite è superato. Possibili ampliamenti anche in edifici che superano questa cubatura
- 100% - Bonus costruzione. Fruibile per chi demolisce in aree di pregio, come il litorale
- 36 mesi di tempo a disposizione per presentare le nuove domande
- inserimento di nuove zone omogenee come centro storico e zona agricola



A Roma in programma due bandi per 2.700 nuovi alloggi in housing sociale e 500 in edilizia sovvenzionata



Il Comune di Roma, in attuazione del Piano casa, lancia due bandi, approvati dalla Giunta comunale e presentati in Campidoglio dal sindaco Gianni Alemanno e dagli assessori alla Casa e all'Urbanistica, Alfredo Antoniozzi e Marco Corsini, per la realizzazione di 3.200 alloggi di cui 2.700 in housing sociale e 500 in edilizia sovvenzionata (Erp).
In questo modo si conta di trasformare i fabbricati dismessi in appartamenti, e le aree non residenziali in aree residenziali.

I privati che sono interessati a presentare proposte di cambio di destinazione d'uso di aree o manufatti avranno tempo fino a fine anno. Poi verranno esaminate le proposte e, col nuovo anno, si inizierà la realizzazione dei progetti.

Gli alloggi sociali, realizzati con i due bandi, saranno affittati a canone concordato per 25 anni a famiglie a basso reddito, studenti fuori sede, immigrati con permesso di soggiorno, con prezzo d'affitto già stato fissato a 6 euro a metro quadro (circa 420 euro per un appartamento di 70 metri quadrati), cioè circa il 50% in meno rispetto ai prezzi di mercato.

I due bandi, secondo i conti del Campidoglio muoveranno investimenti privati per 850 milioni, di cui 140 di contributo straordinario che saranno destinati alla realizzazione di alloggi di edilizia sovvenzionata e relative opere di urbanizzazione.

Con il primo bando, si prevede di trasformare i fabbricati dismessi in appartamenti e costruire un totale di 3.350 alloggi, di cui 1000 di housing sociale e 250 di edilizia sovvenzionata attraverso il cambio di destinazione d' uso. Potranno presentare le proposte i proprietari dei fabbricati che intendono riqualificarli. Il 30% degli alloggi realizzati dovranno essere destinati all' housing.

Attraverso il secondo bando, quello riguardante il cambio di destinazione d' uso per aree edificabili attualmente ad uso non residenziale (aree non coincidenti con l'Agro e con la Città Storica), saranno realizzati 4.250 alloggi, di cui 1700 in housing.

Fonte: professionearchitetto.it



...useful and beautiful...


I fiori sono i soggetti privilegiati dei biglietti realizzati da CAFElab per Zazzle.com.







la piscina più grande del mondo (forse non tutti sanno che)




La notizia è vecchia, ma la vista della piscina del San Alfonso del Mar in Chile non cessa di lasciare stupefatti:
1km di lunghezza, 160 m di larghezza massima, 250 milioni di litri d'acqua di mare accuratamente filtrata e riscaldata per raggiungere colore e temperatura caraibici!





Alla ricerca di un tavolo vissuto...




In un ambiente rigorosamente minimal e nel design e nella palette dei colori, dominato dai toni neutri e del bianco, mixare alcuni mobili dai toni rigorosi con un tavolo in legno dall'aspetto vissuto può dare risultati interessanti e conferire all0'ambiente un carattere particolare, quasi aggiungere un tocco di charme "rustico".





Un tavolo particolare, è Byron di Unopiù, realizzato con teak recuperato da barche originarie del sud-est asiatico. Ogni tavola utilizzata non è tagliata a misura, ma viene scelta per essere assemblata e contribuire alla realizazzione ogni volta di un tavolo "unico".



Twin Line, la vasca a doppia funzione






IL MEGLIO DI DUE MONDI... D'ora in poi non c'è più bisogno di decidere tra doccia o vasca, con la nuova TWIN LINE, si hanno entrambe le soluzioni: una doccia completa e una vasca a tutti gli effetti.

Twin Line è la prima vasca-doccia, con accesso basso, adatta a bambini, anziani, disabili, la vasca-doccia adatta per tutti i momenti della giornata!!!

I vantaggi sono ben visibili, il 2x1 nel bagno, questa innovazione, lascia più spazio a disposizione nel bagno, un vantaggio convincente propio laddove il bagno è piccolo, quando c'è una famiglia numerosa, quando c'è bisogno di spazio supplementare, ma soprattutto la possibilità di accedere alla vasca-doccia da soli, senza l'aiuto di nessuno.

Per maggiori info: www.archibagno.it



Proposta di Legge n. 3493: petizione degli Architetti ed Ingegneri


Abbiamo appreso con stupore che il 20.05.2010 è stata presentata alla Camera dei Deputati la Proposta di Legge d'iniziativa del deputato TOTO
“Disposizioni in materia di competenze professionali dei geometri, dei geometri laureati, dei periti industriali con specializzazione in edilizia e dei periti industriali laureati nelle classi di laurea L-7, L-17, L-21 eL-23”

Tale Proposta di Legge amplia le competenze di geometri, geometri laureati e periti industriali.


La Direttiva 2005/36/CE
"La creazione architettonica, la qualità delle costruzioni, il loro inserimento armonioso nell'ambiente circostante, il rispetto dei paesaggi naturali e urbani e del patrimonio collettivo e privato sono di pubblico interesse"


CHIEDIAMO
in qualità di Architetti e Ingegneri Liberi Professionisti, in veste di garanti della qualità edificatoria sul territorio italiano, visto il nostro ruolo d’interesse pubblico nella società,

CHE VENGA FERMATA E RITIRATA LA PROPOSTA DI LEGGE N. 3493
e che ci sia data in futuro l'opportunità, nel comune interesse, di esprimere un nostro parere su disegni di Leggi di competenza propria della Professione di Architetto e Ingegnere.

per sottoscrivere la petizione clicca qui



Sanatoria, il Senato da via libera



Il Senato, con 170 voti favorevoli e 136 contrari, da il via libera al Ddl di conversione della Manovra.

Passa quindi la possibilità di regolarizzazione degli "immobili fantasma", attraverso un'azione congiunta che vedrà lavorare a stretto contatto informatico Agenzia del Territorio e Comuni.
Ai Comuni, in ogni caso, la possibilità di applicare sanzioni successivamente

Inoltre, negli atti pubblici e nelle scritture autenticate tra vivi per il trasferimento, la costituzione o lo scioglimento di diritti reali sugli immobili esistenti dovranno essere presenti i riferimenti catastali, le planimetrie aggiornate allo stato reale dell'immobile in questione e le dichiarazioni, rese dagli interessati, sulla conformità dello stato di fatto rispetto a quello risultante dai documenti.

Per eventuali consulenze: www.cafelab.it



Sanatoria, in catasto si può regolarizzare dopo la stipula



post allegato alla newsletter del 14/07/10 per abbonarti clicca qui


L’Agenzia del Territorio ha ritenuto opportuno, per la rivitalizzazione del mercato edile, semplificare l'art. 19, comma 14 della manovra economica, concedendo con la circolare 3/2002 l'opportunità di allineare i registri immobiliari a quelli catastali anche successivamente all'aver stipulato il contratto di compravendita.

Soprattutto, riguardo l'attestazione resa dal proprietario riguardo la corrispondenza con la planimetria catastale dello stato reale dell'immobile, la planimetria catastale sarà ritenuta conforme rispetto allo stato di fatto anche in presenza di lievi modifiche interne, come lo spostamento di un tramezzo o di una porta, che tuttavia non varino il numero dei vani e quindi non incidono sulla rendita catastale.
(Va presentata invece variazione ad esempio per rilevante ri-disposizione degli spazi interni o uso di spazi quali terrazze o balconi.)

Nel caso in cui il notaio accerta la non corrispondenza tra registri immobiliari e catastali, gli interessati devono attivarsi per la regolarizzazione prima della stipula, presentando una o più domande di voltura. L'Agenzia del Territorio e l'Agenzia delle Entrate, attraverso l'emanazione congunta della circolare 3/2002, dispongono che i notai avranno l’obbligo di accertamento e segnalazione di eventuali discrepanze, e che si avrà la possibilità di regolarizzarle anche dopo la stipula.

Ai fini dell'identificazione di un bene, per l’Agenzia del Territorio, gli identificativi catastali necessari in ambito contrattuale sono sezione, foglio, particella e subalterno (saranno considerati invece non rilevanti indirizzo, piano, categoria, classe, consistenza e rendita catastale).

N.B. Saranno esclusi da queste disposizioni le particelle censite al catasto terreni, i fabbricati rurali, le "unità collabenti" cioè gli edifici non più abitabili, gli immobili iscritti come “in corso di costruzione” o "in corso di definizione", i lastrici solari e le aree urbane iscritte con la sola indicazione della superficie.



RISORSE: sfruttiamo il sottoscala?



post allegato alla newsletter del 14/07/10 per abbonarti clicca qui

Quante volte manca lo spazio, soprattutto contenitivo, in un'abitazione?
A volte per ottimizzare è possibile sfruttare lo spazio di risulta sotto le scale, se la casa è a più piani.
Ripiani, mensole, piccoli ripostigli sono la soluzione più semplice ed immediata per sfruttare questo spazio dimenticato; un classico è costituito dal ricavare librerie o piccole vetrine espositive per ninnoli o oggetti di piccole dimensioni.
Per sfruttare al massimo lo spazio, c'è anche che inventa scaffali scorrevoli ed estraibili perpendicolarmente alla rampa, dove riporre cose ed oggetti, oppure vi inserisce ripiani per creare scarpiere o ancora, cassetti o sportelli.





A volte, con l'aiuto ispiratore di un professionista, è possibile ricavare veri e propri ambienti, oppure integrare questo spazio con quelli esistenti, per rendere gli ambienti esistenti più interessanti e movimentati.
Ad esempio si può inserire una piccola "powder room" (bagno degli ospiti), oppure una confortevole seduta,ricavare uno spazio per il vino - se le scale portano in cantina - oppure addiritura integrarle con un letto...
L'importante è guardare a questo elento con molta fantasia...e un pizzico di competenza!




Condono "SI", ma con riserva


Grazie alla sentenza 3714/2010, depositata il 19 maggio scorso, il Consiglio di Stato ha deciso che il condono sarà possibile se il vincolo sull’area è stato posto dopo la realizzazione dell’intervento edilizio; altra condizione che deve sussistere per ottenerlo è che l'intervento abusivo sia conforme a norme e strumenti urbanistici vigenti.

In caso contrario, se l'intervento è stato realizzato in un'area già vincolata, lo Stato ordina la demolizione del manufatto realizzato.

In sintesi, facendo riferimento alla legge del terzo condono edilizio, la L.326/2003, sarà impossibile sanare le opere realizzate solo in presenza di un vincolo di inedificabilità assoluta



Luce e arredo



La luce è fra le più ricche esperienze che è possibile offrire ai nostri sensi e nessun altro mezzo può uguagliarla. Anche se la luce è universalmente presente nella vita di tutti i giorni, troppo spesso è data per scontato; spesso quando ci si affida per iniziare un progetto di interni per la propria abitazione, i progettisti sapranno come gestire questa risorsa unica , in grado di trasformare i nostri spazi di vita - dentro e fuori - e rafforzare il nostro senso di benessere, con risultati a volte spettacolari.
Tempo fa , si tendeva a trascurare la luce a favore di colori e texture , tessuti e arazzi , progettazione e posizionamento di mobili e accessori. Oggi, si inizia a rendersi conto che la luce non è solo un accessorio per il sistema globale , ma è uno strumento potente.
Utilizzando la luce con fantasia , oggi, i lighting design riescono a creare dalla routine interpretazioni visive dinamiche, migliorando l'umore dei clienti e modificando l'atmosfera , alterando il colore e sottolineando le texture, creando un ambiente del tutto nuovo. La luce è usata per rivelare aspetti inattesi di un interno, per introdurre un senso evocazione e aspettativa.

Per consulenze e progetti: CAFElab Studio di Architettura



La via del successo


Graziosissima illustrazione che da tanto tempo staziona nel mio HD



e una simile ma più recente di virus comix



Coffee break diventa mobile!


Grazie ad Handset Detection smanettando e andando per tentativi con poche righe di codice siamo riusciti ad ottenere una versione mobile del blog


javascript for Dummies


Coffee Break si appoggia su Blogspot che non offre i plugin di Wordpress per la mobilità.
Quindi abbiamo risolto con il codice messo a disposizione da Handset Detection direzionando il traffico proveniente da smarthphone sulla nostra pagina di tumbler generata con l'rss del Blog e predisposta per la visualizzazione mobile.




materassi di lusso!



Ebbene si, anche un materasso può essere un oggetto di culto.
Lavorazioni artigianali e materiali pregiati rendono alcuni di questi materassi dei veri pezzi unici, anche per il prezzo!

Il Vividus realizzato dalla svedese Hästens Sängar AB è un’opera d’arte per la quale occorrono 160 ore di lavorazione, tutta rigorosamente a mano. King size, struttura in pino svedese, strati di cotone, lino e lana.

Il Palais Royale prodotto dalla ditta americana ES Klüft & Co per il quale occorrono 3 giorni di lavoro con 10 artigiani, realizzato in cashmere, mohair, seta e lana della Nuova Zelanda.

Anche l’italiana Magniflex ha una linea di lusso con materassi rivestiti intessuti di fili d’oro o platino a scelta... magari per fare sogni d'oro!?



Discover Plastiki, la barca fatta di immondizia







Per aumentare la consapevolezza di come i nostri mari sono inquinati , i progettisti hanno voluto mostrare cosa si potrebbe fare riciclando la spazzatura in modo creativo e utile.
Così, hanno costruito una barca di immondizia e plastica riciclata e con questa stanno navigando a vela attraverso i mari.
Le suggestioni di questo progetto sono infinite; la barca è una vera e propria fonte di ispirazione per guardare i nostri rifiuti in modo diverso. We love it!

To increase awareness of how our seas are polluted, the designers wanted to show what could be done by recycling the rubbish in a creative and useful way.
So they built a boat of garbage and recycled plastic and with this they are sailing across the seas.
The suggestions of this project are endless, and the boat is a real inspiration to watch our waste differently. We love it!



Per seguire il viaggio di Plastiki attraverso i mari, navigate nel loro sito: www.theplastiki.com