Il camino - parte 1 - il focolare




Con l'avvicinarsi della stagione fredda, dopo una giornata passata a discutere con i clienti, un camino acceso è l'ideale per passare una serata rilassante.
Cominciamo una disamina di come funziona e come dovrebbe essere fatto un camino.

Il focolare

a focolare chiuso
come quello di una stufa o di un caminetto con vetro ceramico
Per bruciare un kg di legna occorrono circa 15 mq di aria.
E' possibile bruciare con il minimo eccesso di aria ottenendo rendimenti elevati superiori al 70%.

a focolare aperto

per bruciare un kg di legna occorrono circa 45 mq di aria, tre volte tanto


La non perfetta combustione è causa del formarsi di ossido di carbonio (CO), un gas molto tossico che tende a diminuire con l'aumentare del rendimento termico e a scomparire man mano che la combustione tende ad essere completa, per questo è necessario prevedere una immissione addizionale di aria (detta secondaria).
L'aria, combinandosi con l'ossido di carbonio prodotto dalla combustione primaria, s'infiamma generando una seconda fiamma più vivace con temperatura elevatissima e fumo più trasparente, questa tecnica detta Postcombustione riduce i gas tossici immessi nell'ambiente, aumenta il rendimento termico e garantisce un risparmio economico ed energetico.


da MCZ, Scenario: unione fra i due focolari domestici: il vecchio camino e la nuova tv...




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...