FAI DA TE: trasforma la tua casa in un maniero infestato



Gole luminose e angeli barocchi (in poliuretano) non vi soddisfano più?
Siete alla ricerca di uno stile più originale per la vosta casa?
Ecco come trasformare in pochi passi la vostra abitazione in un maniero infestato!

Innanzitutto, chiariamolo, dovete procurarvi una casa in campagna:
una casa infestata che si rispetti NON si può trovare in città!
Un appartamento infestato sarebbe una vera caduta di stile, un’idea da burini.

La casa dovrà essere spaziosa, non troppo vicina al borgo ma non troppo isolata:
che gusto ci sarebbe a infestare qualcosa senza che nessuno lo sappia?!

Sarebbe meglio se vi fosse avvenuta qualche disgrazia come messe nere, sedute spiritiche, un incidente sinistro o una comparsata di Corona, ma può andar bene anche se la vostra dimora è stata costruita su una chiesa sconsacrata, meglio ancora su un cimitero (indiano per i nostri lettori d’oltreoceano, etrusco o celtico per noi europei; romano è troppo facile).

Se per sfortuna non riuscirete a trovarla nella posizione ideale, provate con alte mura e rampicanti seccati ad arte, ricordate, i rovi aiutano sempre.
In ogni caso dovrà essere diroccata, ma con gusto.
Abbondate con i gatti neri e fate in modo che la vostra dimora agreste non abbia a mancare di corvi.
L’arredamento dovrà essere sobrio, di legno scuro, ma con qualche accessorio barocco e quadri in stile esageratamente manierista. Marmi e bronzi in quantità!

Se avrete lavorato con cura basterà un semplice contatto elettrico, luci che si spengono e si accendono, porte che sbattono, per scatenare i pettegolezzi di paese!

La torre di Sauron, uno che ci sa fare

Se nonostante tutto non riuscirete ad attirare su di voi le malevoli chiacchiere paesane,
CHIAMATECI!
con il nostro aiuto otterrete il non plus ultra del macabro campestre, la gente vi eviterà, si segnerà passando davanti a casa vostra, farà gli scongiuri: vi sarete assicurati fama e almeno un ventennio di dicerie sul vostro conto. Sarete fieri della vostra casa!

scopiazzato da: il Tamarindo




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...