CAFElab diventa mobile


da oggi è disponibile la versione per telefonia mobile di cafelab!

grazie al servizio on line ubik è facilissimo creare e personalizzare il proprio sito mobile, per di più ubik offre anche hosting, e tutto gratis!

link a cafelab mobile



UN GLOSSARIO PER L'ARCHITETTURA SOSTENIBILE


Un glossario che esplora soluzioni e tecnologie legate alla bio-architettura, con particolari riferimenti al risparmio energetico quotidiano.



Colori e Arredamento


Una guida* che aiuta a scegliere colori e tonalità, intonate ad ogni tipo di arredo e ambiente.


*aggiornata al 15 dic 2010



Il piano casa - regione Lazio



PREMIO CUBATURA


10%per gli edifici a destinazione non residenziale per artigianato e piccola industria con superficie non superiore a 1.000 metri quadrati.Nelle zone a più alto rischio sismico, per favorire gli interventi di messa a norma, il premio è aumentato al 20%


20%per gli edifici residenziali privati con volume non superiore a 1.000 metri cubi (330 metri quadrati) Nelle zone a più alto rischio sismico, per favorire gli interventi di messa a norma, il premio è aumentato al 35%


35%per demolizione e ricostruzione di edifici residenziali privati che deturpano il paesaggio

40%Se per ricostruire l'immobile a destinazione residenziale sarà indetto un concorso di progettazione.


50%Se si demoliscono immobili a destinazione residenziale in aree vincolate e si ricostruiscono altrove


60%Se la nuova destinazione dell'edificio demolito e riedificato sarà turistico-ricettiva limitatamente alle zone del litorale laziale.


Nelle zone agricole potranno usufruire dei benefici previsti dalla legge solo - i coltivatori diretti - gli imprenditori agricoli a titolo professionale e i loro eredi.In tutti i casi l'immobile, che dovrà avere il fascicolo di fabbricato, dovrà mantenere la stessa destinazione d'uso per dieci anni. E' prevista la possibilità di rendere abitabili i sottotetti. L'aumento di cubatura potrà avvenire ai lati dell'edificio esistente Nei nuovi piani regolatori, in tutti gli interventi, i costruttori dovranno cedere il 20% della superficie all'amministrazione, quota che sarà destinata a edilizia sociale. Se verranno realizzate nuove unità immobiliari, il 25% di queste dovrà essere destinato alla locazione a canone concordato.


QUELLO CHE NON SI PUO' FARE


sopraelevazioni - qualsiasi ampliamento a meno di 300 metri dalla costa - interventi nei centro storici - interventi nelle aree vincolate - interventi nelle naturali protette - interventi nelle zone a rischio esondazione, - interventi nelle zone sottoposte a vincolo di inedificabilità assoluta, - interventi nelle fasce di rispetto dei territori costieri, dei fiumi e dei laghi- l'intero edificio non potrà subire un incremento superiore ai 62,5 metri quadrati.


Maggiori info: