Lettera aperta al Ministro Brunetta



relativity

Il disegno di legge in materia di semplificazione dei rapporti tra cittadini e Pubblica Amministrazione, prevede all'art 7 che si possano realizzare senza ricorrere a un tecnico Interventi di manutenzione straordinaria che non riguardino parti strutturali degli edifici.

Nella Manutenzione Straordinaria ricade un po' di tutto, dalla sostituzione degli infissi alla risuddivisione interna di un appartamento; se fosse approvata sarebbe molto pericoloso, chi verificherebbe che il rispetto delle varie norme per es d'igiene? Chi si dovrebbe prendere la briga di fare le necessarie variazioni catastali? Dove va a finire il 36% di agevolazione? Le assicurazioni pagherebbero comunque in caso di difformita' con le piante ufficiali? L'abuso edilizio, che attualmente è un reato penale verrebbe depenalizzato?

Inoltre sembrerebbe che la colpa delle lungaggini burocratiche sia del tecnico!

Ma soprattutto, a cosa dovrebbe servire?!


Ad abbreviare i tempi?
per questo non c'è bisogno di eliminare il progettista quanto di semplificare e diminuire le richieste di documentazione delle PA

Ad accorciare le file agli uffici pubblici?
Nessuno sarebbe più contento dei tecnici, ma per quello esistono già fior di strumenti informatici

A far risparmiare il cittadino?
Questa è sicuramente l'aspettativa di molti... che purtroppo però è infondata!
Affidarsi ad un progettista che non solo svolga le pratichette ma si occupi anche di redigere computi per scegliere l'impresa può far risparmiare molto più del costo della parcella da pagargli!
(si, anche in una modesta ristrutturazione d'interni)

Di seguito riportiamo la lettera aperta al ministro Brunetta preparata da Amate l'architettura


 
Prof. Renato Brunetta
Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione
Palazzo Vidoni
Corso V. Emanuele II 00186 Roma


Gentile Ministro,
Siamo seriamente preoccupati dall’art. 7 del DDL in materia di semplificazione dei rapporti della Pubblica Amministrazione con cittadini e imprese …, si sostituisce l’art. 6 del Testo Unico dell’edilizia n.380 del 6/06/2001, l’argomento è l’attività edilizia libera, in pratica si liberalizzano gli interventi di manutenzione
straordinaria.

Siamo i primi ad affermare che bisogna combattere la burocrazia nella Pubblica Amministrazione, ma la strada giusta sicuramente non è quella di eliminare la certificazione del tecnico.

La cosa che più sorprende è che il comma b stabilisce che gli interventi sono liberi, sempre che non riguardino le parti strutturali dell’edificio, ma il governo ritiene che tutti i proprietari di immobili siano in grado di stabilire se l’intervento riguarda le parti strutturali dell’edificio o meno ?

Le ricordo che il noto prof. Michetti, (uno dei più grandi strutturisti italiani), diceva: “ci sono edifici nel centro storico di Roma che stanno in piedi grazie alla carta da parati”, mi sembra evidente che le problematiche di ogni edificio siano complesse e non sempre è così facile stabilire la pericolosità di un qualsiasi intervento, anche lo spostamento di un tramezzo.

Il crollo di via Vigna Jacobini a Roma nel 1998 causò la morte di 27 persone, qualcosa dovrebbe averci insegnato, da li è nato il fascicolo del fabbricato, che aveva un importanza fondamentale soprattutto nel conoscere e monitorare qualsiasi intervento di modifica di un edificio, ma la politica ha deciso che non
serviva, i cittadini bisognerebbe tutelarli da vivi non piangerli da morti.
Ora si vuole andare oltre, liberalizzare senza alcun controllo da parte di un Amministrazione eliminando la figura del progettista e direttore dei lavori. Credo che tutto ciò sia di una gravità inaudita, e Le ricordo che non vogliamo fare una difesa corporativa della nostra categoria, ma esprimiamo la nostra reale preoccupazione per difendere la sicurezza di noi tutti.

Chiediamo alla politica di essere seri, ma si può essere seri scrivendo una legge in cui si dice che: “l’attività edilizia è libera salvo più restrittive disposizioni previste dalla disciplina regionale e comunque nell’osservanza delle prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali e nel rispetto delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia e, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico sanitarie, di quelle relative all’efficienza energetica nonché delle disposizioni contenute nel decreto legislativo 22 gennaio 2004, n.42 e successive modifiche”; chi può, secondo Lei, stabilire se tutti i requisiti di cui sopra sono rispettati se non il professionista e allora perché bisogna comunicare il nome dell’impresa e non quella del tecnico?

Certi della Sua sensibilità per le problematiche esposte, la ringraziamo per l’attenzione e siamo in attesa di un suo cortese riscontro.

Cordiali Saluti

amate l’architettura
Movimento per l’architettura contemporanea
info@amatelarchitettura.com
www.amatelarchitettura.com

scarica e invia




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...